Questo sito utilizza cookie tecnici, di sessione e analytics (utilizzati per raccogliere informazioni, in forma aggregata) per offrire una migliore navigazione. Qualsiasi diverso utilizzo dei cookie (quelli di profilazione) non dipendenti dal sito ma da soggetti esterni sono chiaramente ignoti. Navigando sul sito o digitando sul pulsante chiudi acconsenti all'utilizzo della nostra politica di utilizzo dei cookie. Per saperne di più digita sul pulsante maggiori informazioni.

Mondo Funghi  

   

Link associati  

   
Il Fungo del mese: Febbraio


Leccinellum lepidum (H. Bouch.: Essette)

Bresinsky&Manfr. Binder, 2003




Inquadramento sistematico e tassonomico: Regno Fungi, Divisione Basidiomycota, Classe Basidiomycetes, Ordine Agaricales, Famiglia Boletaceae, Genere Leccinellum, specie Leccinellumlepidum(H. Bouch.: Essette) Bresinsky&Manfr. Binder,2003.

Origine nomenclatoria: dal latino lépidum = giallo(per le tonalità di stipite e stroma).

Nome Comune: porcinello giallo, porcino d’inverno.

Basidioma: omogeneo; pileo-stipitato; boletoide o talvolta tricolomoide; non molto carnoso; singolo o gregario.

Pileo: fino a oltre 12 cm di diametro, subemisferico o subgloboso fino ad appianato-convesso;cuticola rugolosa-bozzoluta, viscosa, separabile totalmente, lubrificata anche col tempo secco, raramente screpolata, di colore variabile dal giallo, all’ocraceo al bruno dattero al bruno scuro; margine eccedente e un po’ involuto nel giovane.

Imenoforo: a tubuli da adnati asubliberi e facilmente staccabili dalla carne,giallastri viranti al grigio-ocraceo alla pressione; superficie poroide gialla progressivamente scurente,bruna al tocco; pori dapprima serrati, poi dilatati.

Stipite: da snello e cilindrico a tozzo e ventricoso o anche obeso; fusiforme e subradicante in basso; giallo,sfumato di rosa-ocraceo verso la base, ornato da fioccosità gialle scurenti.

Stroma: sodo all’inizio ma presto molle nel pileo, più fibroso nello stipite; crema giallino,progressivamente rosaceo-violaceo-grigio per ossidazione; vira in verde-azzurro al solfatodi ferro e in rosso mattone al fenolo; odore gradevole, ma flebile, sapore subnullo.

Spore: 20x7 μm, fusiformi; bruno-olivastre in massa.

Ambiente di sviluppo: simbionte ectomicorrizico in boschi di querce sempreverdi (Quercus ilexL., 1753, Q.suberL., 1753); dalla primavera all’autunno.

Commestibilità: commestibile (scialbo!) scartando il gambo, troppo fibroso.

Osservazioni: tipico di macchia mediterranea, persino in inverno inoltrato; quasi insipido, ma apprezzato soprattutto per la scarsità di altri funghi nei periodi invernali.

   
© 2013 A.Mi.T. all rights reserved