Questo sito utilizza cookie tecnici, di sessione e analytics (utilizzati per raccogliere informazioni, in forma aggregata) per offrire una migliore navigazione. Qualsiasi diverso utilizzo dei cookie (quelli di profilazione) non dipendenti dal sito ma da soggetti esterni sono chiaramente ignoti. Navigando sul sito o digitando sul pulsante chiudi acconsenti all'utilizzo della nostra politica di utilizzo dei cookie. Per saperne di più digita sul pulsante maggiori informazioni.

Mondo Funghi  

   

Link associati  

   
Il Fungo del mese: Aprile


Polyporus squamosus (Hudson) Fr., 1821




Inquadramento sistematico e tassonomico: Regno Fungi, Divisione Basidiomycota, Classe Basidiomycetes, Ordine Polyporales, Famiglia Polyporaceae, Genere Polyporus, specie Polyporus squamosus (Hudson) Fr., 1821;

Nome comune: Poliporo squamoso;

Origine nomenclatoria: l’etimologia del Genere e della specie proviengono dal greco-latino Poly-porus ovvero dai numerosi pori, riferito all’imenoforo ed in particolare alla superficie poroide; squamosus, per la superficie pileica dissociata in squame;

Basidioma: dimensioni variabili dai 15 ad oltre 50 cm; sessile o brevemente stipitato con forma da circolare ad emicircolare; presenta una superficie da squamulosa a squamosa ad elementi fibrillosi concentrici bruni su di una cuticola da gialla a panna-beige, in genere umida; il margine è involuto; lo stipite, se presente, può essere centrale, ma generalmente si presenta laterale o paracentrico, tozzo, tomentoso e bruno nerastro all’inserzione sul legno;

Imenoforo: a tubuli monostratificati, piuttosto corti; decorrenti sul gambo; i pori sono angolosi; la superficie poroide è di colore crema-biancastro, scurente allo sfregamento;

Contesto: molto spesso, carnoso e consistente, dalle colorazioni crema-ocraceo chiaro; l’odore è piuttosto sgradevole di buccia di cetriolo o di cocomero; sapore forte, farinoso;

Microscopia: spore ellissoidi, lisce; 10–15 x 4–5 μm; non amiloidi; bianche in massa;

habitat: epiendofita parassita-saprotrofo a viluppo annuale; cresce tutto l'anno su diverse essenze arboree latifoglie, provoca una putredine bianca; piuttosto comune;

commestibilità: commestibile allo stato giovanile, ma sgradevole per l’odore ed il sapore forti e per via della sua consistenza coriacea.

   
© 2013 A.Mi.T. all rights reserved