Questo sito utilizza cookie tecnici, di sessione e analytics (utilizzati per raccogliere informazioni, in forma aggregata) per offrire una migliore navigazione. Qualsiasi diverso utilizzo dei cookie (quelli di profilazione) non dipendenti dal sito ma da soggetti esterni sono chiaramente ignoti. Navigando sul sito o digitando sul pulsante chiudi acconsenti all'utilizzo della nostra politica di utilizzo dei cookie. Per saperne di più digita sul pulsante maggiori informazioni.

Mondo Funghi  

   

Link associati  

   
Il Fungo del mese: Aprile


Calocybe gambosa (Fr.) Donk, 1962




Inquadramento sistematico e tassonomico: Regno Fungi, Divisione Basidiomycota, Classe Basidiomycetes, Ordine Agaricales, Famiglia Lyophyllaceae, Genere Calocybe, specie Calocybe gambosa (Fr.) Donk, 1962

Nome comune: fungo di San Giorgio, spinarolo, prugnolo.

Origine nomenclatoria: dal greco calòs = bello e dal latino gambosus(per il bell’aspetto dello sporoforo e per il gambo, talvolta massiccio).

Basidioma: pileo-stipitato; da massiccio a robusto a , a silhouette da boletoide a tricolomoide.

Pileo: da 3 a 11 cm di diametro; da emisferico a convesso ad appianato con ampio umbone; spesso regolare; sodo e carnoso; corona marginale liscia; margine intero, raramente ondulato, involuto soprattutto nel giovane; cuticola spessa, asciutta e opaca, talvolta screpolata; colore dal biancastro-crema al crema-giallastro, al crema-ocraceo al disco.

Imenoforo: a lamelle sottili, basse, fitte; adnate o smarginate; a filo finemente ed irregolarmente eroso; biancastre poi crema.

Stipite: 4-7 × 1-2 cm, da tozzo a slanciato; subcilindrico, anche ricurvo, attenuato o dilatato alla base; pieno e carnoso, tardivamente farcito; superficie fibrillosa, pruinosa; di colore bianco, progressivamente crema in maturità.

Carne: bianca e immutabile; spessa e soda, più fibrosetta nel gambo; odore forte, intenso di farina; sapore mite e gradevole di farina.

Spore: 6 x 4 µm, ellittiche; lisce; ialine, ma bianchicce in massa.

Ambiente di sviluppo: specie terricola, prativa, saprotrofa; particolarmente legato a rosacee (Prunus sp., Rosa sp.,) più rara la presenza in radure boschive; produce sporofori dalla primavera all’autunno, ma è decisamente più produttivo tra metà aprile e maggio.

Commestibilità: commestibile; generalmente apprezzato per le carni; il sapore può essere troppo intenso tanto da consigliare un’abluzione in acqua bollente per pochi istanti.

Osservazioni: spesso compare il luoghi intricati e sassosi, dato che il micelio serpeggia tra le pietre nello strato terroso; ben noto anche per la distribuzione di crescita a cerchi (delle streghe) o file nei prati su cui si sviluppa; tale modalità, peraltro comune a molte specie, è dettata dall’espansione centrifuga del micelio che, se incontra ostacoli deforma il suo avanzamento, determinando lo sviluppo degli sporofori (sul margine esterno dell’espansione miceliare) con modalità diverse; in effetti le linee quasi rette di sviluppo seguono la circonferenza di un cerchio molto ampio.

Confondibilità: piuttosto difficile confonderlo con gli Entolomaprimaverili che, pure, sono legati ad ambienti similari; in questi ultimi la sporata in massa è rosa e l’odore non raggiunge mai l’intensità tipica di C. gambosa.

   
© 2013 A.Mi.T. all rights reserved