Questo sito utilizza cookie tecnici, di sessione e analytics (utilizzati per raccogliere informazioni, in forma aggregata) per offrire una migliore navigazione. Qualsiasi diverso utilizzo dei cookie (quelli di profilazione) non dipendenti dal sito ma da soggetti esterni sono chiaramente ignoti. Navigando sul sito o digitando sul pulsante chiudi acconsenti all'utilizzo della nostra politica di utilizzo dei cookie. Per saperne di più digita sul pulsante maggiori informazioni.

Mondo Funghi  

   

Link associati  

   
Il Fungo del mese: Marzo


Morchella esculenta (L.) Pers., 1801




Inquadramento sistematico e tassonomico: Regno Fungi, Divisione Ascomycota, Classe Pezizomycetes, Ordine Pezizales, Famiglia Morchellaceae, Genere Morchella, specie Morchella esculenta (L.) Pers., 1801

Nome comune: Spugnola, Spugnola gialla

Origine nomenclatoria: esculentus = buono da mangiare

Ascoma: costituito da una mitria cava, di profilo irregolarmente ellissoidale ed uno stipite; vallecola presente o meno; singolo o, spesso, gregario.

Aschi: non amiloidi, opercolati.

Imenoforo: apoteci, alcuni dei quali sterili, profondi, irregolari e separati da setti subconcolori, ocracei a maturità; imenio liscio, di colore giallo-miele.

Stipite: di aspetto ceraceo, biancastro-panna, debolmente granuloso, cilindraceo, leggermente svasato in basso, costolato-solcato in modo irregolare, internamente cavo.

Carne: tenace ed elastica nella mitria; odore vagamente farinaceo-spermatico, sapore dolciastro.

Spore: 20x12 μm, ovoidali, lisce, ialine.

Ambiente di sviluppo: saprotrofo; in sottobosco umificato, sponde di torrenti, luoghi incolti, su terreni sciolti, sotto latifoglie; in primavera.

Commestibilità: commestibile previa cottura prolungata; crudo o mal cotto, induce sindrome emolitica.

Osservazioni: la morfologia, il colore e le dimensioni, sono decisamente variabili e può essere confusa con altre specie di Morchella.

   
© 2013 A.Mi.T. all rights reserved