Questo sito utilizza cookie tecnici, di sessione e analytics (utilizzati per raccogliere informazioni, in forma aggregata) per offrire una migliore navigazione. Qualsiasi diverso utilizzo dei cookie (quelli di profilazione) non dipendenti dal sito ma da soggetti esterni sono chiaramente ignoti. Navigando sul sito o digitando sul pulsante chiudi acconsenti all'utilizzo della nostra politica di utilizzo dei cookie. Per saperne di più digita sul pulsante maggiori informazioni.

Mondo Funghi  

   

Link associati  

   
Il Fungo del mese: Luglio


Russula virescens (Schaeff.) Fr., 1836




Inquadramento sistematico e tassonomico: Regno Fungi, Divisione Basidiomycota, Classe Basidiomycetes, Ordine Russulales Famiglia Russulaceae Genere Russula specie virescens

Origine nomenclatoria: Il trermine “virescens” proveine dal latino “verdeggiante” per la sua colorazione tipica.

Basidioma: omogeneo, pileo-stipitato, di medie-grandi dimensioni.

Pileo: fino a 15 cm; da giovane convesso-pulvinato, in maturità appianato, leggermente depresso al centro, infine depresso; margine intero e regolare da giovane, tardivamente segnato-fessurato e revoluto; cuticola che nel giovane appare scivolosa e granulosa al tatto, poi opaca e secca, che si screpola in frammenti, colorazione dal panna al verde penicillina, ma verde-blu, negli spazi tra le “zolle” si evidenzia la carne sottocuticolare, panna.

Imenoforo: a lamelle adnate, non molto fragili, fitte, intervenate presso lo stipite; color bianco-panna.

Stipite: cilindrico, piuttosto robusto, farcito con l’età; bianco, spesso con maculature ruggine alla base.

Carne: cassante, soda e compatta; di colore bianco, talvolta ossidante al ruggine, odore subnullo e sapore di nocciola fresca.

Spore: 9x6,5 μm, subglobose, a verruche, connesse da sottili linee; sporata bianco-panna in massa.

Ambiente di sviluppo: sotto latifoglie, su suoli calcarei, anche in aree di macchia mediterranea; dalla tarda primavera all’autunno.

Commestibilità: commestibile.

Osservazioni: è riconoscibile soprattutto per la cuticola che frammentandosi crea tipicamente delle zolle che ricordano “zolle di pack alla deriva”; la distinzione con R. cutefracta Cooke, 1881 si basa sulla consistenza lardosa delle lamelle e sulla reazione nulla al FeSO4 di quest’ultima (oggi ricondotta a R. cyanoxantha).

   
© 2013 A.Mi.T. all rights reserved